Permesso di soggiorno

I cittadini provenienti da Paesi non appartenenti a Unione Europea, Spazio Economico Europeo (*) e Svizzera che decidono di soggiornare nella Repubblica Italiana per un periodo superiore ai 90 giorni hanno l’obbligo di richiedere il permesso di soggiorno. Coloro i quali soggiornano per meno di 90 giorni non hanno alcun obbligo di procurarsi un permesso di soggiorno.

Procedura per la richiesta del permesso di soggiorno per studio
Entro 8 giorni lavorativi dall’ingresso in Italia è obbligatorio richiedere il permesso di soggiorno.
Gli interessati devono presentare la domanda di rilascio del permesso di soggiorno per studio presso gli sportelli degli Uffici Postali abilitati. L’Ufficio Postale fornisce un kit che include il modulo per la domanda e le istruzioni per la compilazione.
Di seguito vengono indicati tutti i documenti necessari:

– una copia della pagina del passaporto con i dati personali, una copia del visto di ingresso e copie di eventuali altre pagine del passaporto contenenti visti e timbri;

– una copia del codice fiscale da richiedere presso una sede dell’Agenzia delle Entrate;

– una copia della lettera di invito rilasciata dall’Istituto Universitario Carolina Albasio e presentata per ottenere il visto presso il Consolato Italiano all’estero, vistata dal Consolato stesso;

– una copia dell’autocertificazione di iscrizione presso l’Istituto Universitario Carolina Albasio;

– una copia della documentazione attestante la disponibilità di adeguate risorse finanziarie per il periodo della durata del permesso di soggiorno (ad esempio documentazione attestante la vincita di borsa di studio);

– una marca da bollo da 14,62 Euro (in vendita nelle tabaccherie);

– l’attestazione del pagamento del bollettino premarcato, fornito dall’ufficio postale, di Euro 107,50 previsto per il PSE (Permesso di Soggiorno Elettronico);

– la modulistica del kit postale debitamente compilata;

– una copia della copertura assicurativa medica:

a) se già stipulata nel proprio Paese, deve avere i seguenti requisiti: nominale per la persona (in caratteri occidentali), periodo e copertura per le spese mediche, validità per l’area Schengen, massimale di Euro 30.000,00 in lingua italiana (o inglese, francese, spagnolo). Il tutto deve possibilmente essere vistato e timbrato dal Consolato.

b) se non si è in possesso della copertura assicurativa, presso un qualsiasi ufficio postale può essere effettuato un pagamento con bollettino postale intestato a:

  • INA Assitalia – C/C n. 712 70 003
    Ag. Gen. Roma “Conto 20”
    Via del Tritone 181 00187 Roma
    CAUSALE: Polizza Sanitaria studente straniero 6 mesi/12 mesi
    IMPORTO: 6 mesi = 49,00 Euro/12 mesi=98,00 Euro
    A pagamento effettuato, inviando un fax ad INA Assitalia (fax: 06.3613626) con copia del pagamento, copia della prima pagina del passaporto e l’indicazione di un proprio numero di fax e contattando subito dopo la compagnia (tel.: 06.3611676 o 06.3210214), l’interessato potrà ottenere un certificato di conferma dell’avvenuta assicurazione (polizza).

Successivamente l’Ufficio Postale rilascerà una ricevuta che il richiedente dovrà portare sempre con sé insieme al passaporto fino a quando non riceverà il permesso di soggiorno elettronico.

NOTA BENE: gli studenti devono prestare molta attenzione e conservare con cura tale ricevuta al fine di evitare il suo smarrimento o furto.
Insieme alla ricevuta, l’Ufficio Postale consegnerà un foglio contenente la convocazione della Questura – Ufficio Immigrazione per il fotosegnalamento e l’eventuale integrazione della propria istanza. A seguito del fotosegnalamento, dopo circa 6-8 settimane, il richiedente riceverà un sms, al numero di telefono indicato al momento della compilazione della domanda, con la data in cui potrà ritirare il permesso di soggiorno. Tramite la ricevuta rilasciata dal funzionario delle Poste al momento dell’inoltro dell’istanza, è possibile per l’interessato verificare lo stato della propria pratica sul sito www.portaleimmigrazione.it – “Area riservata stranieri” – inserire Password e User ID riportati sulla ricevuta (ATTENZIONE: inserire solo le cifre omettendo il trattino “-”).

(*) Paesi Unione Europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.
Paesi appartenenti allo Spazio Economico Europeo: Islanda, Liechtenstein, Norvegia.

Approfondimenti: